Cos’è il quinto quarto?


Cos’è il quinto quarto?

Se per caso avete effettuato qualche ricerca su ricette a base di trippa vi sarete certamente imbattuti in una frase che sembra quasi uno sciogli lingua e che compare sempre quando si parla di trippa ed interiora, stiamo parlando de Il Quinto Quarto.

Quinto, quarto… non sono posizioni in classifica ne tanto meno una sciarada, ma è un “taglio” ben preciso del bovino e di qualunque altro animale.

Qualche dettaglio sulla macellazione

Non ce ne vogliano i vegani, ma la macellazione, una delle fasi della lavorazione della carne degli animali è un’operazione di estrema precisione e va eseguita con la massima accortezza per evitare inutili sprechi.
Come alcuni di voi sapranno la carne si divide in tagli, più pregiati o meno pregiati, ma prima ancora di questa suddivisione, la carcassa viene divisa in quarti che sono come può suggerire la parola.

Esistono quindi i due quarti anteriori, i due quarti posteriori e siamo a quattro. Ed il quinto?


Cos’è il quinto quarto?

Per quinto quarto si intendono praticamente tutte le interiora e le frattaglie che non fanno certamente parte dei tagli della carne più nobili ma non sono nemmeno da buttare!

Stomaco, testa, zampe, coda, lingua, guance, tutti questi pezzi che a molte persone fanno impressione e disgustano in realtà sono da millenni utilizzate in cucina (soprattutto quella popolare) ed addirittura ci sono tracce di ricette con frattaglie già in epoca sumera.

Ed appunto come uno dei quarti di carne pregiata esistono tantissime ricette molte della tradizione popolare,perché in antichità le interiora venivano viste come qualcosa di sporco; un elemento di scarto non utile.
Per fortuna le cose sono cambiate e trippa ed altre interiora hanno avuto una seconda vita!